13 giugno 2013

Recensione "Io sono Heathcliff" di Desy Giuffrè

Miei cari lettori, siete pronti per una nuova recensione?
In vista della prossima uscita, il 21 giugno, di Lady Morgana con la talentuosa Desy Giuffrè, oggi andremo a parlare del romanzo d'esordio della scrittrice, Io sono Heathcliff, che può essere considerato una sorta di sequel paranormal del più classico Cime Tempestose, di Emily Bronte.

Titolo: Io sono Heathcliff
Autore: Desy Giuffrè
Editore: Fazi
Collana: Lain
Prezzo: 9,90
Pagine: 300
TramaElena Ray è bella, ricca, viziata. I ragazzi cadono ai suoi piedi, l'unica preoccupazione è lo shopping in compagnia della scatenata amica Stella. Eppure da settimane non riesce più a dormire. I suoi sogni si trasformano in incubi, svegliandola di soprassalto. È forse a causa della tensione per l'imminente viaggio in Inghilterra insieme ai genitori, da cui la dividono incomprensioni e silenzi, oppure è qualcosa di più oscuro, il potere di una voce, di un richiamo che talvolta si impossessa di lei e la fa agire contro la sua volontà? La stessa, inspiegabile sensazione che da un po' di tempo prova Damian, ragazzo cresciuto sulla strada, troppo duramente e troppo in fretta, segnato dall'abbandono del padre e costretto a guardarsi dallo zio malavitoso. Due vite che non hanno niente in comune, se non un incontro casuale e, da quell'istante, l'impossibilità di levarsi dalla mente l'intreccio dei loro sguardi. Ancora non sanno che le proprie esistenze sono già indissolubilmente legate: così vuole l'antica maledizione sprigionatasi dalle ceneri di una passione disperata: quella tra Catherine Earnshaw e Heathcliff, i protagonisti di "Cime tempestose". Un classico senza tempo rivive nel primo sequel fantasy del capolavoro di Emily Bronté, insieme ai suoi indimenticabili personaggi, divenuti spettri senza pace che ora, a distanza di secoli, sono disposti a tutto, anche ad appropriarsi dei destini di due ragazzi fragili e tormentati di oggi, per poter rivivere il loro sfortunato amore.

L'autriceDesy Giuffré è nata a La Spezia nel 1985. Blogger piena d’iniziative e condirettrice editoriale della rivista digitale RainbWOman, ha deciso di rafforzare i rapporti con la rete per rendersi più vicina ai suoi amati lettori.
Quando non viene rapita dai personaggi che ama creare, vive sulla costa ionica della Sicilia. Lettrice vorace e amante dei fiori, adora fare lunghe passeggiate nel folto dei boschi o in riva al mare. Il silenzio, la buona musica, il profumo della terra bagnata e l’immenso blu del cielo sono le condizioni ideali per la sua ispirazione. Autrice di paranormal romance per Fazi Editore.


La mia recensione

Quella di Desy Giuffrè è un'opera originale e romantica, che attraverso l'amore eterno fa da ponte tra la tradizione e i giorni nostri; ed è in questo modo che Wuthering Heights, Cathy e Heathcliff si legano a nuovi luoghi e nuovi personaggi.
La protagonista del romanzo, Elena Ray, proveniente dalla Roma benestante e nonché amica da sempre di Stella Milano, si scontra già all'inizio della storia con la persona che le cambierà la vita, Damian Ludeschi, figlio della strada e della malavita. I due protagonisti appaiono sin da subito al lettore completamente distanti per provenienza da mondi differenti, ma il loro incontro è scritto nel destino e a voler che le loro vite si uniscano ci pensano gli spettri di Cathy e Heathcliff, antichi amanti di Wuthering Heights.
Elena trascorre il suo tempo facendo shopping per le vie di Roma accompagnata dall'inseparabile amica Stella. Proprio in una delle loro uscite pomeridiane, le due ragazze vengono avvicinate da due ladri della strada, intenzionati ad appropriarsi della borsetta di Stella.
A sorprendere è il legame visivo che si crea tra rapinatore, Damian, e rapinato, Elena. Saranno proprio quel paio di occhi neri a stravolgerle la vita, e farle uscire allo scoperto la sensibilità d'animo che celava dietro ad una finta superficialità. Elena ci appare infatti capricciosa e viziata, ma sarà la sua caparbietà a guidarla, insieme ai sentimenti, alla scoperta di una nuova esistenza.
Damian viene introdotto come un ragazzo dalle umili origini, costretto a compiere piccoli furbi per sopravvivere a quella vita che l'ha legato al mondo dell'illegalità, a causa dei debiti che Tony Ludeschi, il padre, gli ha lasciato in eredità. Damian è costretto a fuggire, perché sulle sue tracce ci sono gli uomini della Mosca senza tralasciare lo zio Alex, che cerca in tutti i modi di coinvolgerlo nei suoi affari loschi.
Come già detto le vite dei due protagonisti, che per l'appunto appaiono così agli antipodi, sono destinate a incrociarsi ancora e ancora. Il legame che si è creato non li lascerà indifferenti, tanto da riuscire a scorgere quel paio di occhi neri anche durante una corsa in moto, mentre Elena era pronta per il suo viaggio verso Wuthering Heights, lì dove si ricongiungerà con la sua famiglia e scoprirà di essere molto più della semplice ragazzina viziata. Attraverso quel luogo, Elena entrerà in contatto con un mondo magico fatto di spiriti e profezie di cui si accorgerà di essere la protagonista, lei è la Figlia di Sangue.
La trama prende corpo in un intreccio di sentimenti, e nella convinzione che l'altro è la persona per cui vale la pena lottare, per la speranza di poter vivere l'amore vero.
A rendere il romanzo coinvolgente sono le varie tematiche affrontate: l'amore, il pericolo, il crimine, il mistero e la passione travolgente, ma non dimentichiamo una buona dose di romanticismo che hanno reso la storia magica.
Io sono Heathcliff è un romanzo che dona speranza, induce il lettore che l'amore vero esiste e che tutti possono sperare, un giorno, di incontrarlo. Crea quella giusta suspense che fa si che le pagine vengano divorate, finché quasi inaspettatamente si arriva alla fine. Desy è riuscita a gestire perfettamente la forte eredità che pesava sul romanzo, dando la possibilità di immergersi completamente in questo magico mondo evadendo per qualche ora da quella che è la vita reale.
Personalmente ho amato questo romanzo, che consiglio assolutamente. Romanzo nostrano, originale e ben scritto fanno di Io sono Heathcliff un buon libro da leggere. Non vi fate scoraggiare dall'etichetta Young Adult, è davvero adatto a tutti.

Libro quasi perfetto, bello!

2 commenti:

  1. Io questo romanzo l'ho letto in neanche due giorni. Non appena mi è arrivato a caso mi sono persa nelle sue pagine, sentendone l'odore e sfiorandone la carta. Il design è impeccabile e le parole, la poetica e la fantasia di Desy lasciano il segno. Un romanzo che dopo tanto tempo ti ritorna ancora bella mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo ricordo sempre con piacere questo romanzo. Una lettura davvero piacevole e confortante, per me che l'ho letto in un momento particolare. Divorato in pochissimi giorni, mi sono lasciata cullare dalla poesia che Desy sa creare sempre con le sue parole. E' vero, lascia il segno.

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥