23 agosto 2013

Cover Love #5


Torna anche questo venerdì Cover Love, la rubrica ideata da Glinda dell'Atelier dei libri che consiste in una classifica in cui condividerò con voi le tre cover che più mi hanno rubato il cuore nell'arco della settimana corrente. Il vostro compito è, come sempre, scegliere la cover più bella delle mie tre proposte, così da formare la vostra personalissima classifica.

La mia classifica della scorsa settimana era questa:

1. Ignite me
2. Cress
3. Io non sono Mara Dyer

Secondo i vostri voti, la Cover Love regina della scorsa settimana è stata: 

IGNITE ME!


Siete pronti ora per una nuova COVER LOVE?
Vi mostro ora quelle che ho preferito io, aspetto poi i vostri commenti!

1.
Angelfall

Per ragioni più che ovvie la cover che vi andrò a mostrare è quella originale di Angelfall e non quella italiana (brutta copia di Schegge di me). Può sembrare semplice come cover, ma ha attirato la mia attenzione soprattutto per la luce della spruzzata dorata che colpisce il centro delle ali d'angelo, che sono il fulcro di tutta la cover. Quel tocco di luce in una cover così scura dona quelle sfumature fantastiche che mi hanno portato ha dire è lei.


Un esercito di angeli sterminatori ha attaccato la Terra: dopo poche settimane la violenza dilaga ovunque, insieme alla paura e alla superstizione. Nella Silicon Valley ostaggio delle gang, la diciassettenne Penryn cerca di sopravvivere e proteggere la sua famiglia, fino a quando gli angeli guerrieri non rapiscono sua sorella minore, la più fragile, la più indifesa. L'unico modo per salvarla è affidarsi a un nemico, un angelo che ha perso le ali in combattimento e ora ha bisogno, come Penryn, di raggiungere la roccaforte delle crudeli creature alate a San Francisco. Nel viaggio che li porterà alla città, Penryn e Raf impareranno a contare solo l'una sull'altro, in un deserto in cui regnano la devastazione e il sospetto e in cui il pericolo è dietro ogni angolo.

2.
Hex Hall

Della cover di Hex Hall mi ha colpito la sua doppia faccia che utilizza le acque del lago come schermo, come specchio. La differenza tra le due parti la trovo veramente favolosa per come si costruiscono gli opposti. Da un lato abbiamo un azzurro luminoso dato dalle acque del lago, mentre nella parte superiore un bianco opaco della nebbia. Una menzione speciale la merita il font utilizzato per il titolo, che trovo originale ed estremamente azzeccato.



Tre anni fa,Sophie Mercer ha scoperto di essere una strega. Sua madre l'ha appoggiata il più possibile,chiedendo aiuto al padre di Sophie - uno sfuggente stregone europeo - solo quando necessario. Ma quando Sophie attira troppo l'attenzione degli umani al ballo di fine anno a causa di un incantesimo andato terribilmente male, è suo padre a decidere la punizione: l'esilio a Hex Hall, una scuola per Prodigi ribelli, alias streghe, fate e mutaforma. Entro la fine del primo giorno in mezzo ai suoi strambi compagni, Sophie ha raggiunto un discreto punteggio: tre potenti nemiche che sembrano top model, una sbandata inutile per uno splendido stregone, un inseguitore fantasma raccapricciante, e una nuova coinquilina che è  la persona più odiata e unico studente vampiro nel campus. Peggio ancora, Sophie scopre presto che un predatore misterioso è stato trovato ad attaccare studenti, e il suo unico amico è il sospettato numero uno. (Trama tradotta da Sweety Readers).

3.
Babe in Boyland

Una cover semplice ma che racchiude nella sua semplicità il fulcro del libro. Carina e simpatica, questa cover mi ha messo voglia di leggere in lingua (cosa che prima o poi proverò a fare). Trovo adorabili i font utilizzati che con il loro colore contrastano tutto il resto e richiamano il verde degli occhi della ragazza.  


Quando la liceale Natalie - o Dr. Aphrodite, come lei stessa si chiama quando  scrive la sua rubrica sulle relazioni per il giornalino della scuola - è accusata di sapere poco o niente sui ragazzi e di dare alle ragazze cattivi consigli, decide di indagare su ciò che realmente pensano e vogliono i ragazzi. Ma i ragazzi nella sua classe non le danno risposte serie. l'unica soluzione? Travestirsi da ragazzo e trascorrere una settimana alla Underwood Academy, la scuola privata per tutti i ragazzi della città. Lì impara molto sui ragazzi e sulle ragazze in un modo che non si sarebbe mai aspettata - soprattutto quando si innamora del suo compagno di stanza, Emilio. Come può fargli capire che gli piace senza far saltare la sua copertura?


Ora tocca a voi! Votate e fatemi sapere quale cover preferite!

Stay tuned!
Xoxo, Giò

9 commenti:

  1. # 1 Babe in Boyland
    # 2 Angelfall
    # 3 Hex Hall

    Li ho letti tutti e tre e mi sono piaciuti tanto. :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ispirano tanto come letture! Due su tre sono in lingua e sarà una bella sfida riuscire a portarli a termine (e iniziarli magari anche XD).

      Elimina
  2. Senza dubbio Babe in Boyland :) E' molto sbarazzina e molto divertente!!! Splendida cover love

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuta subito la cover di Babe in Boyland *w* fino a qualche mese fa sarebbe stata la prima scelta sicuramente, ma ora che sto allargando gli orizzonti mi sembrava più banale scegliere subito quella che in ogni caso adoro molto!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Anche a me piace moltissimo questa cover, altro che quella della versione in italiano :(

      Elimina
  4. 1. Angelfall
    2. Hex Hall
    3. Babe in boyland

    anche se devo dire che nessuna mi fa particolarmente impazzire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non mi faranno impazzire come quelle della settimana precedente, ma le trovo carine :)

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥