13 dicembre 2013

Anteprima #12: "Volevo solo averti accanto" di Ronald H. Balson

Vi avevo promesso che sarei tornata con altre anteprime e quindi eccomi di nuovo qua. Il romanzo di cui vi vado a parlare è Volevo solo averti accanto, edito per Garzanti ed è la prima opera di Ronald H. Balson, un avvocato con la passione della scrittura. Quando decise di stamparlo in proprio non pensava che in pochi giorni sarebbe diventato uno dei più importanti casi editoriali dell’anno. Il passaparola parte. La tiratura iniziale è subito esaurita. Le ristampe sono continue. In pochissimo tempo si arriva alla strabiliante cifra di 100.000 copie solo negli Stati Uniti. Le recensioni dei lettori e il traffico crescente in rete hanno suscitato l’interesse delle case editrici che si sono sfidate in un’asta infuocata per acquisirne i diritti. Pubblicato ora da uno degli editori americani più importanti, sta scalando tutte le classifiche di vendita.

UN ROMANZO CHE RISVEGLIA LE COSCIENZE E CI RICORDA CHE, PERCHÉ L’ORRORE NON SI RIPETA, NON SI DEVE DIMENTICARE. MAI.

«Possiamo dirlo: è un caso più unico che raro.»
«Booklist»

«Un romanzo sublime che trascina il lettore con forza verso ogni sconcertante scoperta, ogni nuova verità, ogni singola bugia svelata. Perché la strada per la giustizia è sempre in salita.»
«Kirkus Reviews»

«Un debutto che è diventato subito un bestseller. Impossibile non farsi travolgere dall’uragano di emozioni che questo libro porta con sé.
Sullo sfondo della seconda guerra mondiale e degli orrori del nazismo, una storia straordinaria in cui anche l’amicizia più profonda deve fare i conti con una realtà di violenza e crudeltà.»
«Library Journal»

Titolo: Volevo solo averti accanto
Autore: Ronald H.Balson
Editore: Garzanti
Data di uscita: 2 gennaio 2014
Pagine: 400 circa
Prezzo: Euro 14,90

Trama: Anche quello che sembrava un fratello può tramutarsi nel tuo peggior nemico…
È la sera della prima al grande teatro dell’Opera di Chicago. Morbide stole e sete fruscianti si scostano per far largo al vecchio Elliot Rosenzweig, il più ricco e importante mecenate della città. All’improvviso tra la folla appare un uomo anziano in uno smoking fuori moda. Tra le mani stringe convulsamente una pistola che punta alla testa di Rosenzweig. La voce trema per la rabbia, ma lo sguardo è risoluto quando lo accusa di essere in realtà Otto Piatek, il Macellaio di Zamość, feroce criminale nazista. Ma nessuno sparo riecheggia tra i cristalli e gli specchi del sontuoso atrio. E Ben Solomon, un ebreo scampato ai campi di sterminio, viene atterrato dalla sicurezza e trascinato in prigione. Nessuno crede alle sue accuse, nessuno vuole ascoltarlo. Tranne Catherine Lockhart, una giovane avvocatessa alle prese con una scelta difficile della sua vita. Catherine conosce l’Olocausto esclusivamente dai libri di scuola, eppure solo lei riesce a leggere la forza della verità negli occhi velati di Ben, solo lei è disposta ad ascoltare la sua storia. Una storia che la porta a un freddo inverno nella Polonia degli anni Trenta, a un bambino tedesco tremante e con le scarpe di cartone che viene accolto e curato come un figlio nella ricca casa della famiglia ebrea dei Solomon. Ma anche agli occhi ambrati di una ragazza coraggiosa e a una storia di amore, amicizia e gelosia che affonda le radici del suo segreto in un passato tragico. Difendere Ben Solomon sembra un’impresa impossibile, Rosensweig è per tutti un sopravvissuto di Auschwitz, un filantropo potente e rispettato. Catherine però non vuole arrendersi, deve trovare la verità. Perché nessuno, in questa storia, è quello che sembra. 
Guarda il booktrailer




Cosa mi dite? Lo leggerete?

Stay tuned!
Xoxo, Giò

4 commenti:

  1. interessante! ultimamente mi sto appassionando molto a film e libri con riferimenti e temi tratti dalle guerre mondiali...da aggiungere alla già interminabile wishlist :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, so cosa voglia dire avere una lista interminabile!

      Elimina
  2. Ogni tanto ho l'impressione di vivere altrove >.<
    Per fortuna si finisce spesso a parlare di libri (chissà perché? strano, davvero strano...) e così mi sono ritrovata qui, come ben sai.
    Ha una trama davvero intrigante e adesso vado a segnarlo in WL. Aspetto una tua review!!! ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, perché finiamo a parlare di libri? AHAHAHAH ho postato la mia recensione quindi ora puoi sfogare la tua curiosità u_u ❤

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥