31 maggio 2014

Recensione "Colpa delle Stelle" di John Green

Avevo promesso che sarei arrivata anch'io con questa recensione, ma per farlo ho dovuto aspettare un po' di tempo per metabolizzare le emozioni e le sensazioni che questo libro mi ha lasciato dentro. Ho pensato a questa recensione più volte, la iniziavo anche a mente ma finivo per fare altro perché scriverla è davvero difficile. Non so perché arrivo sempre tardi io, pur essendo un libro molto chiacchierato e amato ho aspettato che arrivasse il mio momento buono. Potrei rifugiarmi dietro il detto meglio tardi che mai, anche se in realtà personalmente mi frusterei per questa scelta. Quello che ho potuto constatare con i miei occhi però, al di là dell'amore folle che mi legava sin da subito come un colpo di fulmine, è che le lodi ricevute sono tutte meritate per Colpa delle stelle di John Green. Sicuramente ora rientra nella classifica dei miei libri preferiti in assoluto di sempre e con questo ho detto tutto. Ecco spiegato il motivo per cui mi sono fiondata su Amazon dopo averlo letto il ebook.

Data pubblicazione: 10 Ottobre 2012 
Titolo: Colpa delle stelle
Autore: John Green
Traduzione: G. Grilli
Editore: Rizzoli
Prezzo: 16.00 €
Trama: Se il cancro che ti hanno diagnosticato a dodici anni, a sedici sembra in regressione è un miracolo. Ciò che la giovane Hazel ha imparato a proprie spese, però, è che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto ai coetanei, con una vita in frantumi i cui pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure, che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione per stare insieme è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.
Recensione

«È questo il problema del dolore: esige di essere sentito.»

Sapete, ci sono libri che ti entrano talmente nel profondo nel cuore che rendono difficile, complicato o quasi impossibile riuscire a parlare di essi ad altri. Si ha paura di sminuirli, di non renderli giustizia nel modo adeguato o di banalizzarli, oppure ancora si può finire a fangirlare a manetta su piccoli particolari rendendo la comprensione assurda. Colpa delle stelle di John Green è un esempio lampante di tutto ciò. Ecco perché ho lasciato passare tanto tempo, cercavo le parole giuste per raccontarlo a tutti voi cosa magari inutile siccome sicuramente l'avrete già tutti amato.
Colpa delle stelle è un romanzo contemporaneo autoconclusivo destinato ad un pubblico young adult ma che tutti dovrebbero leggere. Scritto in prima persona, ci catapulta direttamente nella mente della protagonista. Emozionante, toccante, straziante, romantico e semplicemente indimenticabile, Colpa delle stelle non racconta solamente una storia d'amore qualunque ma ci insegna anche ad andare sempre avanti, a voler vivere ogni minuto e voler lottare.
John Green è senza dubbio uno dei migliori autori contemporanei e ora ne sono più che certa, tutti dovrebbero leggerlo e apprezzare il suo stile così particolare e unico.
Hazel Grace ha sedici anni e da quattro anni la sua vita è cambiata completamente. Le è stato diagnosticato un cancro ai polmoni e dichiarata così malata terminale. Sa di non poter guarire ma grazie ad un piccolo miracolo ancora riesce ad assaporare il piacere di vivere un giorno ancora.

«La diagnosi era arrivata tre mesi dopo la mia prima mestruazione. Tipo: congratulazioni! Sei una donna. Adesso muori.»

Passa le sue giornate sul divano guardando America's Next Top Model circondata dall'amore dei suoi genitori oppure chiusa in camera a leggere, ed è attaccata costantemente ad una bombola d'ossigeno; in alternativa frequenta un gruppo di sostegno per ragazzi malati per assecondare il volere dei genitori di avere rapporto con i suoi coetanei. Hazel è una ragazza intelligente, forte e consapevole della sua situazione. Dovrà morire prima o poi, il farmaco non potrà tenerla in vita per sempre e lo sa, così come tutti gli esseri umani del resto. Questo non vuol dire, però, che Hazel non sappia fare proprio il tempo che ha a disposizione. Non troverete una ragazzina che si piange addosso per la sua malattia, ma solamente tanta consapevolezza ed è proprio questo che colpisce, coinvolge e fa amare questo personaggio. 
Al gruppo di supporto tra confessioni varie, Hazel conosce Isaac ma soprattutto Augustus Waters, un diciassettenne ironico, divertente e bello da morire con un osteosarcoma praticamente ormai guarito, che si è portato dietro però una delle sue gambe, con la sigaretta sempre spenta nella bocca. 
Nonostante l'iniziale diffidenza della ragazza, i due non posso stare lontani. L'ostinato interesse che Augustus prova per Hazel è contagioso, palese e irresistibile. Iniziano a frequentarsi finendo poi per innamorarsi un po' come succede quando ci si addormenta: prima lentamente e poi di colpo tutto d'un fiato. Sarà proprio lui a cambiare le cose nella vita di Hazel.


«Mi piaceva Augustus Waters. Mi piaceva proprio ma proprio tanto. Mi piaceva che la sua storia finisse con qualcun altro. Mi piaceva la sua voce. Mi piaceva che avesse fatto tiri liberi esistenzialmente pregni. Mi piaceva che fosse un docente del Dipartimento dei Sorrisi Leggermente Truffaldini con una nomina anche presso il Dipartimento dell’Avere una Voce Che Fa Sentire la mia Pelle come una Vera Pelle. E mi piaceva che avesse due nomi. Mi è sempre piaciuta la gente con due nomi, perché devi decidere quale scegliere per chiamarli: Gus o Augustus? Io ero sempre stata solo Hazel, univocamente Hazel.»

Hazel si sente come una granata pronta a scoppiare da un momento all'altro ma questo non spaventa Augustus, lui ha già deciso e il suo posto è fianco a fianco accanto a lei. Qualcun'altro avrebbe potuto regalare a questi due un happy ending ma John Green ama le storie vere e ha voluto infatti raccontare una storia dalla vita vera, fatta di spine oltre che di petali di rosa. Hazel e Augustus però, nonostante tutte le difficoltà, imparano ad amare e sognare insieme, a sfidare la sorte.

«Okay» ha detto lui dopo un’eternità. «Forse okay sarà il nostro sempre.»

Si sa, Colpa delle stelle è un romanzo doloroso, difficile non amarlo e se non l'avete letto magari non ci crederete ma è pieno di vita e di ironia ed è così buffo se si pensa alle tematiche affrontate e al suo titolo. John Green è stato veramente un grande per come è riuscito a realizzare questa storia verosimile, per come ha caratterizzato i suoi personaggi compreso quelli secondari come Isaac e Van Houten. Se penso a loro riesco a vederli davanti a me, immagino le faccette buffe e le battute che farebbe Augustus. Questo romanzo è disseminato di messaggi che lasciano un segno indelebile nel lettore, potreste trovarvi di fronte un libro pieno di bigliettini per le citazioni da ricordare con le sue metafore
Ti spezza il cuore, ti strappa lacrime ma è impossibile non divertirsi di fronte alle battute sempre pronte dei due protagonisti. Ora non vedo l'ora di vedere la trasposizione cinematografica con Shailene Woodley e Ansel Elgort. Penso di non dover aggiungere altro, l'avete capito ormai ho amato questo libro alla follia.

«Alcuni infiniti sono più grandi di altri infiniti»

Libro, adottami!
Stay tuned!
Xoxo, Giò

19 commenti:

  1. L'ho amato anche io.. Ora ho ordinato su Amazon Cercando Alaska.. Sperando non deluda le mie aspettative

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto anche quello e mi è piaciuto molto, ovviamente lo stile di Green in Colpa delle stelle è molto più maturo ma anche Cercando Alaska è un gran bel libro :)

      Elimina
  2. Libro, adottami dice già tutto.
    Green è fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, dice tutto e concordo: Green è un grande!

      Elimina
  3. Sono d'accordo quando dici che John Green è uno dei migliori autori contemporanei, riesce con i suoi personaggi a portare nel lettore tante riflessioni, e sono d'accordo quando dici che in Hazel troviamo tanta consapevolezza, forse troppa, per una ragazzina della sua età e questo ci da da pensare a quanta maturità e adattamento una malattia così seria può portare.
    E sono d'accordo quando dici che in questo libro c'è tanta ironia, e tanta vita :')
    Johnnino l'ha detto, non è un libro sul cancro.
    Vabbè Giò, in pratica sono d'accordo con tutto quello che hai detto :3
    Credo anche che il fatto che sia ispirato alla storia vera di Esther Earl, una ragazza malata di cancro conosciuta da Green, abbia dato al suo autore la sensibilità giusta per toccare il cuore di tutti noi.

    Okay.
    Okay.


    :')

    Complimenti per la recensione <3

    ps Anche io non vedo l'ora di vedere il lavoro fatto nella trasposizione cinematografica. Sono certa che non ci deluderà :)
    Prediamo questi mesi per prepararci psicologicamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come minimo tirerò fuori tutte le lacrime che ho tenuto dentro con la lettura del libro, già lo so. Non sapevo questa cosa di Esther Earl :O ma sto andando a cercare informazioni. Grazie, grazie davvero :3
      Okay.
      Okay.

      Elimina
  4. Fantastica recensione *---*
    Io l'anno scorso avevo organizzato un gruppo di lettura di Colpa delle stelle. Inutile dire che lo abbiamo stra-adorato tutti!
    Appena uscirà la nuova versione, lo prenderò in cartaceo e lo rileggerò!! Ne ho proprio voglia *--*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusy! Sì, avevo visto ma sai dovevo trovare il mio momento giusto :) Io l'ho ordinato appena finito di leggere, quindi in un momento di più calma non vedo l'ora di rileggerlo in cartaceo *-*

      Elimina
  5. Credo sia davvero impossibile non amare questo romanzo.
    Non è semplice da leggere e ci vuole un po', dopo averlo terminato, per metabolizzarlo, ma ciò non toglie che sia una storia piena di amore per la vita, per quella vita in cui è necessario cogliere l'attimo, che può regalare tanto ma allo stesso tempo togliere molto di più.
    L'ho terminato tra le lacrime.Green voglio decisamente leggere qualcos'altro, ma intanto attendo la nuova edizione di questo romanzo che dovrebbe arrivare presto :)

    Complimenti per la recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido completamente! Colpa delle stelle è una lezione di vita e va assaporato pian piano. Io, stranamente, ho tenuto dentro le lacrime pur avendo il cuore straziato. Di Green ho letto anche Cercando Alaska bello, ma qui si è su un livello superiore ancora per cui Johnnino caro, perché non sforni una bella nuova storia? *-* Grazie mille Annie :3

      Elimina
  6. Devi parlarne e raccontarci! Soprattutto perché c'è gente come me che ancora non si è decisa a leggerlo... >.<
    In realtà, quando hai iniziato a leggerlo e ne abbiamo parlato, ho controllato di poterlo prendere in prestito in biblio e penso che lo prenoterò. Avevo in mente tutto un altro percorso con Green, ma salta tutto. Solo non so se sono pronta alle lacrime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti a te ne avevo parlato anche in privato u.u se c'è disponibile in biblio prendilo e metti in conto che lo vorrai poi tenere (psss uscirà in edizione economica a breve). Per assaporare a pieno la bellezza della scrittura di Green va letto senza dubbio Colpa delle stelle. Tu sai bene che io piango sempre quando leggo, ma questa volta le lacrime sono rimaste incastrate...è una cosa strana! In ogni caso ti supporterò io :3

      Elimina
    2. Prenotato, ma arriverà tra un bel po'... Poco male: cercherò di sfoltire le letture in corso =D

      Elimina
  7. VOGLIO LEGGERLO! *W* dico solo questo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, leggere Colpa delle stelle è una tappa importante! **

      Elimina
  8. Non ho ancora trovato il coraggio di leggere questo libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi trovare il momento giusto, arriverà e poi sono sicura saprà conquistarti!

      Elimina
  9. A me proprio non è piaciuto, non voglio dilungarmi nello spiegare i motivi, ne ho scritto due post interi XDD
    Dico solo che l'ho trovato inverosimile e poco emozionante :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non sempre piacciono i libri che sono piaciuti ad altri, è normale. Io personalmente l'ho adorato ed è sicuramente diventato uno dei miei libri preferiti di sempre :3 magari passo a vedere le tue motivazioni ;)

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥