16 giugno 2014

Recensione "Half Bad" di Sally Green

Buongiorno bellissimi, eccomi di ritorno con una nuova recensione, che sarà un po' diversa perché solitamente vi ho abituati con la mia aria adorante e la mia valutazione sempre elevata. La verità è che finché posso cerco di concentrarmi sui libri che voglio leggere davvero, su quelli che penso che amerò e spesso e volentieri quando un libro non mi piace non riesco ad arrivare alla fine.
Sul libro che voglio recensirvi oggi avevo delle aspettative altissime, speravo di amarlo, di esserne coinvolta ma tutto ciò non è scattato. Per un po' di tempo mi ha perseguitato, vedevo la sua copertina ovunque e desideravo comprarlo e leggerlo ma alla fine non è scattata la scintilla. Sono finita per rallentarmi tantissimo nella lettura e arrivata al punto di volerlo finire in fretta per passare oltre perché per prima ci sto male io se da un libro non ricevo emozioni. Si tratta di Half Bad, primo romanzo della trilogia Half Life di Sally Green. Per molti lettori Half Bad è stato una rivelazione, ma io non sono riuscita ad apprezzare fino in fondo lo stile così particolare e soprattutto mi aspettavo tutt'altro.

Titolo: Half Bad (Half life #1)
Autore: Sally Green
Editore: Rizzoli
Pagine: 390
Prezzo: 15,00
Data pubblicazione: 19 Marzo 2014
Acquista qui 
Trama: In una Londra contemporanea e alternativa dove la magia esiste, Incanti Bianchi e Neri combattono una guerra millenaria e spietata. Appartenere a un fronte definisce il proprio ruolo nel mondo, decreta i nemici, garantisce compagni e alleati. Nathan vive invece in una zona grigia: figlio di una maga Bianca e dell’Oscuro più crudele mai esistito, è spaccato a metà, vessato dalla sorellastra con cui è cresciuto, controllato dal Concilio che non si fida di lui, perennemente in bilico tra le due facce della sua anima. Nathan in realtà è soltanto molto solo, e spaventato: intrappolato in una gabbia, ferito e in catene, deve fuggire prima del suo diciassettesimo compleanno, o morirà. E anche se non vuoi lasciarti andare, è difficile rimanere aggrappati alla metà Bianca quando non ti puoi fidare della tua famiglia, e della ragazza di cui ti sei innamorato, e forse nemmeno di te stesso.
Recensione

Half Bad narra la storia di Nathan unico mezzo codice che vive nella Londra magica, abitata da Incanti Bianchi e Incanti Neri. Una Londra dove da sempre il Bene e il Male sono in collisione, dove la magia viene nascosta ai Profani. In Nathan il Bene e il Male convivono come frutto di un amore proibito tra un Incanto Bianco e l'Incanto Nero più ricercato e temuto di sempre. Da sempre considerato uno sbaglio, tenuto sotto perenne controllo ed isolato da tutti, Nathan diviene quindi simbolo di non accettazione e di disprezzo perché di lui tutti volevano vedere solamente la metà Nera e del resto anche il suo aspetto è da sempre un costante promemoria di chi lui sia. Nathan viene cresciuto nella famiglia di Incanti Bianchi di sua madre, viene cresciuto con l'insegnamento di non dover mai parlare di Marcus, suo padre, ma è inutile negare che Nathan ci pensi spesso e si domandi perché non l'abbia mai cercato. Il fatto che lui sia un mago malvagio che ha ucciso molte persone non è abbastanza perché Nathan riesca ad odiarlo, è pur sempre suo padre. Man mano che Nathan cresce deve fare i conti con regole sempre più rigide e restrittive imposte dal Consiglio degli Incanti Bianchi. Dalla trama potrebbe saltare fuori una certa somiglianza con il maghetto più famoso nel mondo. Posso però assicurarvi che Half Bad è lontano anni luce da Harry Potter, qui non troverete nessun castello incantato, ne un campo da Quidditch e non c'è posto per pozioni e incantesimi. Tutta la storia risulta molto più cupa e può essere considerata come il viaggio alla scoperta della vera identità di Nathan che certo non viene descritto come un eroe, ma come un personaggio con le sue debolezze, un personaggio costretto a subire tanto dolore. Non è tutto nero intorno a Nathan, il ragazzo infatti può contare sull'amore fraterno di Arran, confidente e miglior amico. Probabilmente, il personaggio che più ho apprezzato all'interno del libro.
Completamente diversa è invece la sorellastra di Nathan, Jessica, odiosa fino al midollo, che da sempre lo perseguita come una vera e propria Cacciatrice, che ben presto diventerà dopo aver ricevuto i suoi tre doni che sono i poteri che un Crisalide ottiene al compimento dei diciassette anni e che lo consacrano come un Incanto. Come dicevo la libertà di Nathan verrà ristretta dal Consiglio fino a rinchiuderlo in una gabbia da cui Nathan riesce a scappare capendo che è la sua unica chance per ottenere i suoi tre doni. L'atteggiamento del Consiglio è dettato dalla speranza che Nathan li conduca da Marcus. Spesso però si crea il dubbio su ciò che è davvero il Bene e il Male e Nathan arriva a domandarsi cosa preferirebbe diventare: completamente bianco o nero. Per tutti questi motivi è difficile non affezionarsi a Nathan ma con me non è scattato il legame che speravo. Ammetto che la trama di per se sia molto intrigante, il libro nel completo non è un brutto libro ma io mi aspettavo decisamente di meglio per un libro osannato come romanzo prodigio. Ho trovato Half Bad troppo piatto, privo o quasi di movimento. Troppi pochi dettagli sull'ambientazione e sulla magia che ho trovato quasi inesistente. Anche i personaggi secondari non mi hanno convinto più di tanto forse perché messi troppo come sfondo in un romanzo incentrato molto più sulla psicologia del protagonista. La mia unica consolazione è che questo possa essere stato una grande introduzione per qualcosa di più grande che ci potrebbe essere nei seguiti.
La narrazione poi certo non mi ha aiutato durante la lettura, mi ha attirato poco nella sua eccessiva particolarità, tra salti temporali e passaggi da prima a seconda persona, come se si volesse proprio rivolgere al lettore. Ciò che mi è rimasto dentro è stato solo tanta confusione, ma spero di essere stata abbastanza chiara nel spiegare i miei dubbi sul romanzo e spero che voi possiate però amarlo più di me.

Il mio consiglio musicale: Fabrizio Moro - Libero


Niente male
Stay tuned!
Xoxo, Giò

11 commenti:

  1. Mi piace il fatto che, come dici, il protagonista non venga descritto come un eroe ma come una persona comune: non sopporto i tipici protagonisti "perfetti", li vedo poco realistici e non mi fanno immedesimare nella storia, cosa che è mooooolto importante affinché mi piaccia il libro. Half Bad lo ho in e-book che aspetta di esser letto tra l'altro, penso lo farò prossimamente ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, Nathan non è per niente perfetto. Ti auguro di apprezzare la storia :)

      Elimina
  2. Cara Gio, io ero proprio incuriosita da questo romanzo , proprio perché, come hai detto tu stessa,sul web e ovunque,è stato proposto come un romanzo ricco di emozione e di magia ma ti ringrazio della recensione ,almeno così rivalutero' le mie aspettative. Sai cosa Gio? XD Mi sembra di riscontrare moltissime analogie con altre saghe


    Xoxoxo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Misty, anche io ero molto curiosa di leggerlo la trama mi attirava parecchio. Sono curiosa di sapere poi cosa ne penserai :)

      Elimina
  3. Gio che bella recensione! A me è piaciuto moltissimo e la scelta di mettere i salti temporali l'ho apprezzata. Mi è piaciuto lo stile particolare, mi è piaciuto tanto il protagonista particolare *^* io non vedo l'ora di avere il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leda, ho cercato di esprimere ciò che ho sentito e ciò che volevo sentire. Sai che mi dispiace un sacco di non essere riuscita a lasciarmi trasportare dal romanzo, ma penso che ad ogni modo almeno proverò poi il seguito.

      Elimina
  4. Le mie aspettative erano decisamente troppo alte: se lo avessi letto prima della tua recensione, magari ne sarei rimasta delusa. Lo leggerò con più cautela.
    E fidati, capisco cosa vuol dire aspettarsi di più da un libro amato da molti. =/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ricordi il nostro tour alla Feltrinelli parlando di questo libro? Quello racchiude praticamente tutto u.u fai bene ad avere più cautela, ma questo non vuol dire che tu non possa amarlo ;)

      Elimina
    2. Me lo ricordo bene. Sicuramente sarà più facile apprezzarlo con le aspettative ridimensionate ;)

      Elimina
  5. Jo <3
    Mi spiace che non ti abbia convinta :( devo dire che inizialmente ha faticato a prendere anche me.
    Le cattiverie brutali inflitte al protagonista mi avevano fatto sperare in una sorta di rivincita finale per lui che spero arrivi con i seguiti. Speriamo in un po' più ti pepe su :)

    ps Arran l'ho amato :3 un vero cucciolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che siamo sempre d'accordo?! Arran è troppo cucciolo, quando abbracciava Nathan mi veniva voglio di stritolarlo io stessa *-*
      Proverò con il seguito, ma questa volta non assicuro di arrivare alla fine se non dovesse piacermi XD

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥