11 settembre 2014

Chi ben comincia #24


Buongiorno bellissimi!
Come state? Avete letto la recensione in anteprima di Scommessa d'amore? La trovate qui. A Torino è tornata la pioggia e nonostante io stia studiando per un esame imminente per oggi non mi interessa perché, non so se lo avete letto su facebook, oggi andrò all'anteprima del film Maze Runner - Il labirinto. Non sto più nella pelle praticamente *-* È stata una vera sorpresa. Non mi aspettavo minimamente di avere tanta fortuna. C'era questa opportunità e io l'ho colta al volo, quindi oggi alle 18 mi siederò sulla poltroncina e mi potrò godere il film un mese prima dell'uscita ufficiale. Non vi preoccupate, ve ne parlerò poi bene in un post. Dovrò fare un post anche sul film di Colpa delle stelle che ho visto ieri sera. Fantastico, non ci sono parole. Anyway, oggi è giovedì ed è tempo della rubrica Chi ben comincia, ideata da Alessia de Il profumo dei libri.

Le poche regole della rubrica:
- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti 

Tutta la premessa che vi ho fatto prima, oltre a voler condividere e fangirlare con voi, serviva a motivare la mia scelta dell'incipit di oggi. La mia scelta è ricaduta quindi proprio su Il labirinto, che spero di poter leggere presto. 


Cominciò la sua nuova vita tirandosi in piedi, circondato da un buio freddo e da un’aria viziata, che sapeva di polvere.
Udì un rumore sferragliante, metallico. Un fremito violento scosse il pavimento sotto i suoi piedi. Il movimento improvviso lo fece cadere. Poi si trascinò all’indietro, a gattoni, con la fronte imperlata di sudore nonostante l’aria fredda. Batté la schiena contro una parete di metallo duro contro cui scivolò fino a incontrare l’angolo della stanza. Si lasciò cadere sul pavimento e tirò le gambe al petto, stringendole forte, nella speranza che gli occhi si abituassero presto all’oscurità.
Con un altro scossone, la stanza salì di botto verso l’alto, come fosse un vecchio ascensore nel pozzo di una miniera.
Suoni stridenti di catene e pulegge echeggiarono nella stanza, come macchinari di una vecchia acciaieria, rimbombando tra le pareti con un cupo gemito metallico. L’ascensore buio salì, oscillando avanti e indietro, rivoltando lo stomaco ormai inacidito dalla nausea del ragazzo. Poi si sentì pervadere i sensi da un odore di nafta bruciata che lo fece stare anche peggio. Voleva piangere, ma non trovava lacrime. Riusciva solo a starsene seduto lì, da solo, in attesa.
Mi chiamo Thomas, pensò.
Quella... quella era l’unica cosa che riuscisse a ricordare riguardo alla sua vita.
Non capiva come potesse essere possibile. La sua mente funzionava senza problemi e stava cercando di fare supposizioni sul luogo e sulla condizione in cui si trovava. I suoi pensieri furono inondati dalla consapevolezza di fatti, immagini, ricordi e dettagli che riguardavano il mondo e il suo funzionamento. Si figurò la neve sui rami degli alberi. Una corsa lungo una strada coperta di foglie. Lui che mangiava un hamburger. La luna che illuminava pallida un campo erboso. Nuotare in un lago. Una piazza cittadina trafficata e popolata da centinaia di persone affaccendate.
Tuttavia, non sapeva da dove venisse o come fosse finito in quell’ascensore buio, o chi fossero i suoi genitori. Non sapeva neanche quale fosse il suo cognome. Nella sua mente guizzò una serie di immagini di persone, ma erano irriconoscibili, i volti sostituiti da inquietanti macchie di colore. Non riusciva a pensare a una sola persona conosciuta o a ricordare una conversazione.
La stanza stava proseguendo la sua oscillante ascesa e Thomas ormai non si accorgeva più del continuo sbatacchiare delle catene che lo stavano portando in alto. Passò molto tempo. I minuti divennero ore, anche se era impossibile dirlo con certezza, perché ogni secondo pareva durare in eterno. No, invece. Lui sapeva che le cose non stavano così: a naso poteva dire di essere in movimento al massimo da una mezz’ora.
Era strano, ma sentì che la sua paura veniva spazzata via di colpo, come uno sciame di moscerini portato via dal vento, e che veniva sostituita da un’intensa curiosità. Voleva sapere dove si trovasse e cosa stesse accadendo.
Con un cigolio e poi un tonfo sordo, la stanza smise di salire. Il cambiamento improvviso sbalzò Thomas dalla sua posizione accucciata e lo scagliò dall’altra parte della stanza, sul pavimento duro. Si alzò in piedi annaspando e si accorse che la stanza stava oscillando sempre meno, fino a fermarsi. Calò un grande silenzio.
Passò un minuto. Ne passarono due. Thomas guardò in tutte le direzioni, ma vide solo buio. Tastò di nuovo le pareti, in cerca di una via d’uscita. Ma non trovò nulla, solo metallo freddo. Brontolò per la frustrazione e l’eco del suo gemito si diffuse nell’aria, come un funesto lamento di morte. Poi scemò e tornò a regnare il silenzio. Thomas gridò, chiamò aiuto, batté i pugni contro i muri.
Niente.

L'avete letto? Amato? 
Aspetto i vostri commenti, e se volete condividete con me il vostro incipit.

Un bacio,
Giò

20 commenti:

  1. Dovrei leggerlo prima che esca il film ma purtroppo non credo ci riuscirò :/
    Comunque vedrò il film xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo quell'idea e purtroppo non ci posso riuscire visto che vedrò il film già oggi. Ma lo leggerò ugualmente, è deciso.

      Elimina
  2. molto avvincente il labirinto! Una bella lettura, peccato che alla fine sono rimasta così delusa che non ho avuto voglia di leggere il resto... tu si?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora letto il libro, quindi non so. Posso dire che mi ispira un sacco e nonostante oggi vedrò il film, voglio leggere lo stesso il romanzo :3

      Elimina
  3. Oddio gio, mi hai fatto tornare un bellissimo flashback, di quando leggevo questo libro sul prato mentre la mia canina scorrazzava beatamente sul fiume ♡
    A me è piaciuto moltissimo, le descrizioni dei personaggi e degli ambienti poi sono spettacolari e non vedo l'ora di vedere il film! Comincialo subitoooooo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta ti sia piaciuto, non vedo l'ora di leggerlo :3

      Elimina
  4. Aspetto il tuo post sul film *__* Per quanto riguarda il libro, penso proprio che ti piacerà, io l'ho finito da poco e già non vedo l'ora di leggere il seguito *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriverà il post, probabilmente farò solamente passare l'esame e poi lo scriverò :D penso anche io che mi piacerà, sembra nel mio genere XD

      Elimina
  5. Letto! Inizialmente soltanto perché volevo vedere il film, e poi mi sono innamorata di tutta la saga! Leggilo prima del film, se ci riesci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sono contenta di trovare sempre pensieri positivi su questo romanzo *-* mi ispira un sacco! No, purtroppo non ci riesco a leggerlo prima del film. Pazienza!

      Elimina
  6. IO.AMO.QUESTO.LIBRO! *O* Mi è piaciuto tantissimo e non vedo l'ora di vedere il film al cinema! Ho deciso che quel giorno parlerò come uno dei Radunai e mi disegnerò lo schema del Labirinto sulla mano *fangirlamento time* u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece muoio dalla voglia di leggerlo *-*

      Elimina
  7. Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi di TFIOS!
    Questo libro non l'ho ancora letto ma mi ispira. Peccato che questo mese al cinema ci siano così tanti bei film, se solo avessi abbastanza soldi per potermeli vedere tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Vi farò sapere il mio parere per entrambi :3

      Elimina
  8. Che bu-...grandissima fortuna xD
    Beh, tu sai quello che penso u.u toccherà a Dylan convincermi a leggere il libro...non ho dubbi sulla sua riuscita XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è Dylan che ti deve convincere sei apposto awwww *-* mamma mia! Non mi far parlare, è meglio! Diciamo che ho gradito, molto u.u

      Elimina
  9. Oh my Dylan (*-*) non so se ho più voglia di vedere il film per la storia in sé o semplicemente per lui (eheh :D)!!!
    Il primo libro mi aveva colpita tantissimo per le descrizioni e il modo magistrale con cui l'autore era riuscito a creare la giusta atmosfera, anche se per la fine sono ancora un po' incerta... Non so ancora neanche io se mi è piaciuta o meno (non sapevo veramente cosa aspettarmi...)
    Non vedo l'ora di sapere come sono sia questo che Colpa delle stelle!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dylan merita eccome u.u ok, la smetto!

      Elimina
  10. Risposte
    1. Prometto che farò presto il post u.u

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥