20 gennaio 2015

Recensione "Silver, La porta di Liv" di Kerstin Gier

Buon pomeriggio bellissimi!
Oggi sono con un buon umore, sono riuscita a portarmi a casa i biglietti per il concerto del mio cantante preferito per il prossimo aprile a Milano e per di più domani mi rivedo, finalmente, con Am quindi è decisamente un good day. Tra l'altro vi anticipo che stasera dovrei iniziare un libro in anteprima che muoio dalla voglia di leggere da secoli. Per chi non lo sapessi stasera su Italia 1 inizia la serie tv Flash e le nuove puntate di Arrow in italiano. Io le ho già viste in lingua, ma non farò scappare l'occasione. Visto che oggi è un giorno buono torniamo a fare ciò che non faccio da troppo tempo. Sono passati secoli, infatti, dall'ultima recensione pubblicata qui su Walks with Gio, mi sono vergognata per questo ma finalmente eccomi qui.
Avrei dovuto leggere in anteprima il secondo volume della Trilogia dei Sogni, Silver La porta di Liv, di Kerstin Gier ma qualcosa è andato storto. Almeno inizialmente l'ho iniziato in anteprima ma ho trovato troppi ostacoli durante la sua lettura. Sapete benissimo che mi trovato in un periodo di blocco che durava da troppo tempo, sicuramente questa lettura non mi ha aiutato perché come ormai molti sapranno mi sono ritrovata davanti qualcosa che fosse lontana dal pensiero che mi ero fatta. Anyway, andiamo al dunque.

Data di pubblicazione: 6 Novembre 2014
Titolo: La porta di Liv (Silver #2)
Autore: Kerstin Gier
Editore: Corbaccio
Prezzo: 16,40 €
Pagine: 380
Trama: Liv è sconvolta: Secrecy, la misteriosa autrice del blog più frequentato della scuola, conosce i suoi segreti più intimi. Come è possibile? E cosa le nasconde Henry, il suo «fratellastro» da quando la mamma di Liv è andata a vivere con il padre di lui, trascinando anche Liv e la sorellina Mia in questa nuova avventura? Ma soprattutto, quale presenza oscura si aggira nottetempo negli infiniti corridoi del mondo dei sogni di Liv, un mondo che incredibilmente condivide con altre persone? E cosa significano gli improvvisi episodi di sonnambulismo di Mia? Incubi, misteriose apparizioni, cacce notturne, non favoriscono certo i sonni di Liv che di giorno, inoltre, è alle prese con una nuova famiglia decisamente complicata anche se con personaggi molto intriganti a partire da Henry per arrivare alla vecchia nonna. E con il fatto che ci siano in giro parecchie persone che hanno ancora dei conti in sospeso con lei, di giorno e di notte…
Recensione

Ho atteso questa pubblicazione con trepidazione e ho accolto la notizia della sua uscita con entusiasmo e tante attese sostenute dalla trama interessante e dal fatto che il primo volume mi era piaciuto abbastanza incuriosendomi parecchio. Questo prima di avere il libro tra le mani, poi pian piano l'entusiasmo è andato scemando pagina dopo pagina. Mi sono ritrovata con un volume "molto di passaggio" che mi ha lasciato poco e niente, pieno di pagine che sembrano messe lì per far numero con tanti eventi di poco interesse. Mi dispiace dover dire tutto questo perché alla fine apprezzo lo stile della Gier e credevo che sarebbe stata una garanzia, invece mi sono dovuta ricredere.
L'idea di fondo era davvero interessante ma in un certo qual modo penso sia stata sprecata. Per la maggior parte del libro ci troviamo nei sogni per assistere agli incontri di Liv e Henry, che continua a non andarmi a genio, ma siamo sicuri che fosse questo di cui aveva bisogno questo libro? Io continuo a non avere le ben chiare su tutte le dinamiche dei sogni, avrei voluto ricevere delle risposte ma sinceramente non ho trovato grossi passi avanti rispetto alla conclusione del primo volume.
In questo volume troviamo una Liv ormai quasi esperta delle dinamiche del mondo dei sogni, ma non si deve preoccupare solamente di ciò che succede la notte ma anche della vita vera tra battibecchi con il suo ragazzo e guai causati da un cespuglio molto importante per i membri della sua famiglia allargata. L'elemento che risulta ancora interessante è quello dell'identità segreta del blog di Secrecy.
Per gran parte della lettura non avevo lo stimolo giusto per prendere in mano il libro e divorarlo, questo perché sostanzialmente la pagine sarebbero potute essere molte meno, non succede granché per la maggior parte del tempo nonostante le pagine scritte. Solo verso la fine è scattato qualcosa che mi ha incuriosito un po' ma resto il fatto che La porta di Liv è non stato all'altezza delle mie aspettative.
In questo volume ho trovato che la stessa Liv ha perso parte del suo smalto con il carattere particolare che mi aveva colpito nel primo libro. Mia invece, la sorella di Liv, non è quasi pervenuta tranne per il suo stato di sonnambulismo. L'unico personaggio che è stato in grado di strapparmi un sorriso e tenere alto l'interesse su di sè è Grayson che a mio malincuore shippo con Liv, anche se purtroppo si tratta solamente di una fantasia mia. Per concludere questo romanzo è stato una quasi delusione e mi sono voluta tenere larga con la valutazione. Nonostante tutto questo penso che darò una chance al volume conclusivo della trilogia, proprio per curiosità e per lo stile della Gier sperando di non venir delusa ancora. Sicuramente, però, le mie aspettative saranno questa volta molto più basse.
Fatemi sapere le vostre impressioni se l'avete letto o più in generale cosa ne pensate!

Niente di che, si trova di meglio.
Un bacio,
Giò 

18 commenti:

  1. Io già avevo odiato il primo, ma tanto tanto! Per fortuna che ci ho rinunciato dall'inizio, allora ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Mik, io avevo già problemi miei con la lettura in quel periodo che ero bloccata. Sicuramente questo libro non mi ha aiutato XD Mi aspettavo davvero di più!

      Elimina
  2. Ho letto (o meglio, divorato) Silver negli ultimissimi giorni dell'anno e l'ho trovato davvero carino e piacevole; non capisco perché a tutti - sì, tutti - il seguito non sia piaciuto °-° mi sto spaventando, ma comunque lo leggerò. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo era piaciuto molto anche a me, ecco perché ci sono rimasta male. Mi aspettavo molto di più e invece sono rimasta delusa.

      Elimina
  3. Nuuuu, volevo leggerlo! :( Cioè, devo ancora leggere il primo. Uffiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è carino, ma questo non mi ha lasciato nulla. Nonostante lo stile ho fatto fatica, anche se è vero che io ero in un periodo di blocco!

      Elimina
  4. Oddio, non ho ancora letto questo libro, ma il primo mi era piaciuto un sacco! Al massimo adesso prenderò l'ebook, giusto per dargli una possibilità :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ecco io fossi in te opterei sull'ebook. Magari a te potrebbe piacere, non so.

      Elimina
  5. Quindi proprio una roba al nulla... Che peccato. Il primo non era 'spettacolare', ma almeno era simpatico... speravo davvero che approfondissero bene l'aspetto dei sogni (potenzialmente molto interessante), e invece mi dici che viene trattato tutto superficialmente? Meh. Credo che lo leggerò prima o poi, ma a questo punto non credo valga la pena di 'correre' a procurarselo... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio quello il punto: la simpatia, l'ironia e lo stile della scrittrice non sono bastati questa volta a parte che li ho trovati più valorizzati nel primo libro. Spero che il prossimo sia migliore, che si salvi in corner perché davvero l'idea di base meritava.

      Elimina
  6. Uhmpf. A me il primo era piaciuto. Ma del secondo sto sentendo pareri tutti così così. Uhmpf.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai quanto mi sia dispiaciuto scrivere questa recensione! Se penso all'entusiasmo quando mi arrivò il libro a casa! Purtroppo è andata così :/

      Elimina
  7. Carino ma di fatto un succede poi molto, è quasi noiosetto...salvo solo il bellisimo rapporto di Liv con sua sorelle, i momenti con la Beocra e la miticissima scena con Benedict Cumberbatch, un colpo di genio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido tutto praticamente! Solo che questa volta non l'ho trovato poi così tanto carino :/

      Elimina
  8. Di quest'autrice ho un'altra serie iniziata, ma appena mi decido a finirla darò una possibilità anche a questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'altra serie devo ancora iniziarla, ma tutti mi hanno detto che è più bella :D

      Elimina
  9. Piano piano ce la faccio.
    A me era già capitato di leggere un romanzo della Gier e non trovarvi molto più che lo stile. Silver mi era sembrato carino, di certo non all'altezza della Trilogia delle Gemme. C'è da tenere conto che anche questa trilogia è destinata ai giovani, ma sapere che questo libro è solo di passaggio e, in parole povere, tanto vuoto da essere inutile... diciamo che proprio non mi entusiasma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io infatti non te lo consiglio proprio! Ci sta un minimo di curiosità nel continuare la serie ma io non ci ho trovato proprio nulla, lo sai. La Trilogia delle Gemme, invece, mi manca ancora ma forse prima o poi rimedierò.

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥