15 marzo 2016

Letterwoman show #8: Intervista a Estelle Laure


Buon pomeriggio bellissimi!
So di essere mancata parecchio sul blog, ma a mia discolpa (e chi mi segue su facebook già lo sa) ho avuto il pc out e ho dovuto attendere che fosse nuovamente in forma per tornare. Non potete immaginare quanto fossi arrabbiata. Volevo far uscire questo post già da un pochino di tempo e ormai non stavo più nella pelle, dovevo condividerlo con tutti voi. Dopo molto tempo torna così il Letterwoman Show e quest'oggi nel salotto di Walks with Gio ospiterò per un'intervista un'autrice che ha esordito da pochissimo qui in Italia e si da il caso che la sottoscritta abbia amato alla follia il suo romanzo: Ho quindi il piacere di presentarvi ....

ESTELLE LAURE


Era da molto tempo che sul blog non accadeva qualcosa di simile per una serie di coincidenze. Potete immaginare così la mia emozione, anche perché io ho avuto l'onore di conoscerla dal vivo ed Estelle è davvero una persona dolcissima. Non potevo non farvela conoscere meglio.
Per chi non lo sapesse, Estelle Laure è l'autrice de La notte che ho dipinto il cielo, recente pubblicazione della DeAgostini. Ho già recensito il romanzo qui. Questo è uno di quei romanzi che io considero come una perla rara e consiglio assolutamente a tutti di leggere, ma se ancora non vi ho convinti vi lascio all'intervista. Sono sicurissima che Estelle riuscirà a conquistare anche voi. Ultimo consiglio, tenete il blog sotto controllo nei prossimi giorni perché ci sarà una sorpresa che spero gradirete.

Ciao, Estelle! Grazie per avermi concesso un po' di tempo per questa intervista. È davvero un piacere averti qui sul mio blog. Sono molto eccitata.
Ciao! Grazie a te per aver deciso di ospitarmi. Anch’io sono molto emozionata. (Hi! And thank you so much for having me! I’m excited too.)

Quando hai capito che scrivere era la tua strada, la tua passione? Perché scrivi?
Ho avuto un’idea per una storia circa nove anni fa, quando mio figlio era appena nato. Ho iniziato a scrivere ogni giorno mentre lui dormiva. Per me è diventata un’abitudine e con il passare del tempo l’ho presa sempre più seriamente. Scrivo storie da quando avevo sette anni, ma è passato un bel po’ di tempo. E perché scrivo? Perché non sono brava a fare altro. Amo la sensazione che provo quando riesco a mettere bene insieme le parole, o quando penso di aver raggiunto qualcosa di originale, poetico. Non c’è un’altra sensazione come questa. Certo, può anche essere una sensazione orribile! (I had an idea for a story about nine years ago, when my son was just born. I began writing every day during his naps. It became a daily practice for me and over time it got more serious. I wrote stories when I was about seven, but it had been a long time. And why I write? Because I’m not great at anything else. I love the feeling I get when words come together beautifully, or when I think I’ve achieved something original, poetic. There’s no other feeling like it. It can also be horrible!)

Quali sono i tuoi must read? Mentre qual è il libro che più hai amato nell'ultimo anno?
Sto provando a pensare a libri che sono stati tradotti anche in italiano, ma non sono sicura che questi lo siano stati. In ogni caso, ti dirò quali sono i miei tre YA preferiti del 2015. MOSQUITOLAND  di David Arnold, BECAUSE YOU’LL NEVER MEET ME di Leah Thomas e SIMO VS. THE HOMO SAPIENS AGENDA (di Becky albertalli, ndr.). Tutti romanzi meravigliosi! Spero riusciate a metterci le mani sopra. (I’m trying to think about a book that’s been translated into Italian, because I’m not sure if these have, but I’ll tell you my favorite three YA of 2015. MOSQUITOLAND by David Arnold, BECAUSE YOU’LL NEVER MEET ME by Leah Thomas, and SIMON VS. THE HOMO SAPIENS AGENDA. All amazing! I hope you can get your hands on them.)

Quali sono gli autori o i libri che ti hanno cambiata e maturata, rendendoti ciò che tutti noi conosciamo come scrittrice? 
Direi che l’autore che mi ha influenzata per primo è stato Kurt Vonnegut. Anche se non scrivo come lui, cerco di tenere a mente il suo senso dell’umorismo e la sua intelligenza mentre scrivo. Penso che Stephen King sia un narratore eccezionale, così come John Steinbeck, William Faulkner e Cormac McCarthy. Per quanto riguarda gli YA, senza dubbio Jandy Nelson e Rainbow Rowell mi ispirano moltissimo. (I would say my earliest influence was Kurt Vonnegut. Although I don’t write like him, I try to keep his humor and intelligence in my mind as I write. I think Stephen King is an incredible storyteller, John Steinbeck, William Faulkner, Cormac McCarthy, and as far as YA, there is no doubt for me that Jandy Nelson and Rainbow Rowell inspire me all the time.)

Dimmi cinque stranezze di te!
1. Il mio fianco schiocca quando cammino.
2. Penso che sia un mio diritto, come persona nata in Europa, di bere vino, mangiare cioccolata e anche formaggio.
3. Se davvero mi piace una canzone, riesco ad ascoltarla molte, molte volte. È meraviglioso quando io e mia figlia ci innamoriamo della stessa canzone, perché lo facciamo insieme.
4. Volevo diventare una ballerina di breakdance o una violinista.
5. Vorrei partorire bambini che abbiano già due anni. Se potessi, avrei molti più figli. Non mi piacciono molto i neonati, anche se sono carini.

Oltre alla lettura, sei appassionata anche di serie tv? Se sì, qual è la tua preferita?
Il mio show preferito al momento è The Returned. Sto guardando la seconda stagione in questo periodo. DAVVERO BELLA! Amo anche Game of Thrones e Orange is the New Black. (Favorite TV show at the moment is The Returned. I’m watching the second season right now. SO GOOD! I also love Game of Thrones and Orange is the New Black.)

Chi è e cosa fa Estelle Laure quando smette i panni dell'autrice di successo?
Fa il bucato, per lo più :)
Parlando seriamente, mi alzo ogni mattina alle 4:30 per scrivere. Preparo i miei figli per andare a scuola, lavoro come assistente per il mio agente, faccio yoga, cucino. Se poi sono fortunata, nella mia giornata capitano anche momenti come questi, parlare con qualcuno di meraviglioso come te! (She does laundry, mostly :) In all seriousness, I wake up at 4:30 every morning to write, I get my kids ready for school, I work my day job as an assistant to my agent, I do yoga, I cook. If I’m very lucky, my day includes something like this, talking to someone wonderful like you!)

Se avessi l'opportunità, chi vorresti incontrare e perché?
Giovanna D’Arco, perché cosa stava davvero succedendo lì? È affascinante. Andrei anche a pranzo con Anne Sexton e Sylvia Plath. Non avrei rivelato loro che si stavano uccidendo perché rovinerei il continuum spazio-tempo, ma servirei loro sandwich al cetriolo e del tè se potessimo approfondire insieme qualche argomento. (Joan of Arc, because what was really going on there? Fascinating. Also maybe a lunch with Anne Sexton and Sylvia Plath. I wouldn’t tell them that they were going to kill themselves because that would mess up the space-time continuum, but I would serve them some cucumber sandwiches and tea and see if I could get to the bottom of anything.)

Hai voglia di descrivere brevemente il tuo romanzo a chi ancora non lo conosce?
Parla di Lucille, una diciassettenne che dopo un brutto avvenimento riguardante il pare, è stata abbandonata anche dalla madre. Deve prendersi cura di Wren, la sua sorellina di nove anni e nel frattempo realizza anche di essersi innamorata del fratello gemello della sua migliore amica. Il tempismo non potrebbe essere più sbagliato. (It’s about seventeen-year-old Lucille who, after a drama with her father, has been recently abandoned by her mother to care for her nine-year-old sister Wren, just as she has realized she’s madly in love with her best friend’s twin brother. The timing could not be worse.)

Cosa consiglieresti di ascoltare durante la lettura di La notte che ho dipinto il cielo? 
~Wash Away - Matt Costa
~Never Going Back Again - Fleetwood Mac
~Slip - Elliot Moss
~ Full Circle - Half Moon Run
~To Be Alone With You – Sufjan Stevens
~Crystallized – The xx 
~Ashes to Ashes – David Bowie
(Per nominarne alcune...)

Segui una determinata routine quando scrivi e crei una nuova storia? Hai qualche rito che svolgi sempre?
Non riesco ad ascoltare musica perché mi distrae. Di solito leggo qualcosa di collegato a ciò che voglio scrivere prima di iniziare a farlo. Poi leggo ed edito l’ultimo capitolo su cui ho lavorato prima di andare avanti. Cerco di fermarmi ogni 30 minuti per fare un po’ di stretching e bere dell’acqua, ma non lo faccio sempre. Cerco sempre delle immagini che possano ispirare la mia storia, soprattutto su google, e faccio più ricerche possibili. Cerco di leggere un libro a settimana anche se sono super impegnata, perché per me non c’è nulla di più importante che scrivere, se non leggere. (I can’t listen to music because I get too wrapped up in it and distracted by the words. I usually read something related to what I’m writing before I start. Then I read and edit the last chapter I worked on before moving forward. I try to stop every 30 minutes to stretch and drink water, but I don’t always do that. I look for visual aides, google images that support my story, and do as much research as I can. I try to stick to reading a book a week even when I’m super busy, because to me there’s nothing more important for writing than reading.)

Come è nato il personaggio di Lucille? E Digby? 
Ho sognato Digby. In quel sogno era un ragazzo alto dai capelli rossi che veniva rapito da un angelo. Non mi ha mai lasciato dopo quel sogno. Pensavo a lui tutto il tempo. Ho provato a scrivere una storia dal suo punto di vista e ho sempre saputo che amava una ragazza di nome Lucille. Poi ho realizzato che la storia era meglio raccontarla dal punto di vista di lei. (I had a dream about Digby. In that dream he was a tall redheaded boy who was kidnapped by an angel. He never left me after that. I thought about him all the time. I tried writing a story from his perspective, and I always knew he loved a girl named Lucille. Finally I realized the story was better told by her.)

A quale personaggio sei maggiormente legata?
Sicuramente ero molto immedesimata in Lucille mentre scrivevo di lei, ma adesso che posso adottare un altro punto di vista, è diverso. La amo ancora, nonostante ciò. (I definitely was most connected to Lucille when I was writing her, but now, since I picked up another point of view, it’s changed. I still love her though.)

Quale messaggio hai voluto dare ai lettori con questo tuo romanzo?
Provo a stare lontana dai messaggi il più possibile, perché non appena capisco che un autore sta cercando di insegnarmi qualcosa, smetto di prestare attenzione. MA, se le persone che leggono capiscono che bisogna essere meno critici e più comprensivi e che ciascuno di noi combatte una battaglia, in un modo o in un altro, sarebbe grandioso. Se decidono di aiutare qualcuno che è nei guai, sarebbe ancora meglio. (I try very hard to stay away from messages, because as soon as I know a writer is trying to teach me something, I stop paying attention. BUT, if people reading were to pick up on something about being less judgmental and understanding that everyone is fighting a battle in one way or another, that would be great. If they decided to help someone in trouble, that would be even better.)

Sei già a lavoro su un nuovo romanzo? Pensi che darai mai un seguito alla storia di Lucille?
Ho finito con la storia di Lucille, perché credo che lei abbia già avuto il suo grande momento d crescita. Sto lavorando su un companion novel (che spero  verrà pubblicato anche in Italia) e mi sto divertendo molto a scriverlo. Vorrei scrivere un altro libro della serie Cherryville non appena avrò finito questo libro, perché vorrei raccontare la storia di Wren, ma vedremo cosa succederà in futuro. (I am done with Lucille’s story because I think she’s already had her moment of great growth. I am working on a companion novel (which hopefully will publish in Italy) and really enjoying it. I would like to do one more Cherryville book after that because I want to tell Wren’s story, but we’ll see what happens.)

Pensi che il young adult sia la tua giusta strada? Ti piacerebbe scrivere di altri generi?
Penso che se avessi avuto un’idea per una storia, sia con personaggi adulti che con personaggi più giovani, l’avrei scritta. Anche se non mi è ancora capitato di scrivere di personaggi adulti. (I feel like if I had a story come to me with adult characters or younger characters, I would write it. So far that hasn’t happened though.)

Hai qualche consiglio per aspiranti scrittori? 
Lavorate sodo. Più di quanto pensiate sia possibile per voi. Leggete tanto. Mantenete i vostri standard. (Work. Hard. Harder than you think you can. Read all the time. Hold yourself to a standard.)

Ci sono possibilità che La notte che ho dipinto il cielo diventi un film?
Non lo so. Ho un agente che gestisce i diritti per la produzione di un adattamento. Già che ci penso, dovrei proprio chiamarla :D (I don’t know. I do have an agent handling dramatic rights. Come to think of it, I need to give her a call! :D)

Come stai reagendo al successo che sta riscontrando il tuo libro? Io personalmente ho vissuto forti emozioni durante la lettura.
Come ho detto prima, il successo mi colpisce solo quando persone come te si prendono del tempo per parlare con me, o quando vado ai festival e mi chiedono di parlare del mio romanzo, o quando mi viene voglia di scrivere. Anche se la mia vita è fatta per lo più di lavoro. Visto che vivo in montagna, nel New Mexico (che somiglia molto alla Toscana, devo dire), tengo sempre i piedi per terra e spero di riuscire a farlo sempre. (As I said before, this success only hits me when people like you are willing to come into a room to spend time with me, or when I go to a festival and get to talk about my book or how I feel about writing. Other than that my life is mostly work. Because I live in the mountains in New Mexico (a lot like Tuscany, actually), I keep my feet on the ground and I hope I always will.)

Hai in programma di tornare a trovarci in Italia?
Sì! Sono molto emozionata nel dire che sarà al festival di Rimini a Giugno. Porterò mia figlia con me. Spero di incontrarvi lì. (Yes! I’m so excited to say that I will be at the Rimini festival in June. I’m bringing my daughter with me. Hopefully I’ll see you there.)

È stato un vero piacere avere questa opportunità. In bocca al lupo per i tuoi prossimi lavori. Spero proprio di leggere presto un tuo nuovo libro. Vuoi fare un saluto particolare ai tuoi lettori italiani?
Voglio solo ringraziarvi per le bellissime lettere e i messaggi dolci. C’è tanta passione e voglia di vivere in ciascuno di voi e questo mi delizia infinitamente. Quindi grazie, per le bellissime immagini, l’entusiasmo, e l’amore. Siete i migliori! Grazie mille, Giorgia, per avermi ospitata. (I just want to say thank you for all the letters and the sweet response. There’s this passion and life in all of you that delights me to the core. So thank you, for the beautiful pictures, the excitement, and the love! You’re the best. Thanks you, Giorgia, so much for having me.)


Spero che ora possiate capire perché ho adorato tanto questa donna e poi ragazzi, quel libro è stato magico per me! Spero abbiate apprezzato questa intervista e ci troviamo qui sul blog nei prossimi giorni per una sorpresa, non mancate!
P.s: un grazie particolare anche ad Annie che mi ha aiutato a tradurre le risposte di Estelle :)

Un bacio,
Giò

50 commenti:

  1. Awwwww *-*

    P.s. non mi avevi detto che anche lei guarda Orange is the new black :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ero scordata :P e poi c'era più gusto a scoprirlo da sola, no? XD

      Elimina
  2. Leggendo quest'intervista mi è venuta ancor più voglia di leggere La notte che ho dipinto il cielo :D
    E poi da ogni risposta traspare davvero quanto questa autrice sia allegra, felice del suo lavoro ma che sa restare anche con i piedi per terra. Mi sta già simpatica :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annie devi devi *-* penso che davvero potrebbe piacerti e poi l'autrice è proprio così come te la sei immaginata, garantisco io!

      Elimina
  3. Non ho ancora letto questo libro, ma devo dire che l'autrice mi ha incuriosito. Mi sembra una scrittrice interessante e decisamente umile, perciò darò un'occasione a La notte che ho dipinto il cielo. Grazie Gio per questa intervista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è così: umile, allegra e dolcissima! Sicuramente questo fattore mi ha molto influenzato ma è praticamente impossibile non farsi trascinare.

      Elimina
  4. Che intervista interessantissima! Non conoscevo l'autrice, ma dall'intervista sembra una persona abile, ma affatto sfrontata. Magari riuscirò a convincere i miei a portarmi a Rimini e farmi fare un autografo **
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei hai la possibilità di andare a Rimini te lo consiglio assolutamente perché sono sicura saprà darti emozioni uniche!

      Elimina
  5. Che bella intervista! *-*
    Sono sempre più curiosa di leggere il suo libro! :D

    RispondiElimina
  6. Una interessante e bella intervista che mi ha acceso ancora di più la curiosità di leggere il romanzo!

    RispondiElimina
  7. Mi è piaciuto molto leggere questa intervista, anche per il fatto di conoscere l'autrice ad un livello più personale - sembra molto simpatica!
    Poi ha pure citato un libro (SIMO VS. THE HOMO SAPIENS AGENDA) di cui ho sentito anche io parlare molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia intenzione era proprio questa, mostrarvi l'autrice in un modo più personale :3

      Elimina
  8. Essendo un'aspirante scrittore, trovo molto interessanti le interviste come queste, perchè aapprofondiscono anche i piccoli aspetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di essere riuscita nel mio piccolo nell'intento che mi ero prefissata :)

      Elimina
  9. Bellissima intervista, mi fa piacere conoscere gli autori e anche un po della loro storia.

    RispondiElimina
  10. Intervista molto carina :) bella anche l'idea delle cinque stranezze XD
    Purtroppo non conosco nessuno dei suoi tre YA preferiti del 2015.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne avevo già adocchiato uno che spero porteranno in Italia!

      Elimina
  11. Bellissima intervista. E' sempre bello conoscere un po' di piu della vita degli autori e soprattutto sapere com'è nata la voglia di scrivere una determinata storia. Condivido il pensiero riguardo il "messaggio" e credo che ognuno di noi non debba criticare ma, al contrario, aiutare il prossimo e starle vicino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedere del messaggio mi è venuto spontaneo perché questo romanzo mi ha lasciato molto dentro!

      Elimina
    2. e hai fatto benissimo ^_^

      Elimina
  12. E' sempre "strano" rendersi conto che sono persone "normali" come noi xD
    Bellissima intervista comunque, Estelle sembra davvero simpaticissima sarebbe un piacere incontrarla/scambiare qualche parola con lei ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estelle mi ha fatto da subito un'impressione unica che ha creato un legame. Mi sono sentita legata, poi è così carina!

      Elimina
  13. Che bella intervista ^_^, adesso sono ancora più curiosa di leggere il libro.

    RispondiElimina
  14. Carinissima l'intervista! E sono morta quando ha detto che vorrebbe partorire bambini che hanno già 2 anni ahahahahah E chi non lo vorrebbe? :D

    RispondiElimina
  15. Che graziosa intervista, soprattutto davvero divertente!è bello il fatto di poter sapere qualcosa sulla scrittrice e mi ha stimolata ancor di più a leggere il libro. :)

    RispondiElimina
  16. Bellissima intervista, sempre pì convinta che il libro lo leggerò

    RispondiElimina
  17. Bellissima intervista, sempre pì convinta che il libro lo leggerò

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Mi piacciono queste interviste all'autrici...conosciamo i loro libri ma non sappiamo niente della loro vita...d'altronde sono quelle che ci fanno sognare con i loro libri e sapere qualcosa su di loro e quanto siano donne con gli stessi problemi di noi comuni mortali :-)

    RispondiElimina
  20. Questa donna è una potenza mi piace un sacco come la pensa e come ragiona. Ero gia abbastanza convinta di leggere questo libro ora lo sono completamente =)

    RispondiElimina
  21. Che bella intervista! È interessante conoscere coloro che stanno dietro ai libri che leggiamo e amiamo.e poi lei mi è parsa molto simpatica e umile.

    RispondiElimina
  22. Partecipo e condivido
    La mia mail è valentinapignatelli83@gmail.com
    Seguo come valentina pignatelli

    RispondiElimina
  23. Partecipo e condivido
    La mia mail è valentinapignatelli83@gmail.com
    Seguo come valentina pignatelli

    RispondiElimina
  24. Non ho ancora letto questo libro e devo dire che mi incuriosce molto
    Bellissima intervista molto simpatica Estelle mi piace come persona e questo sicuramente è uno stimolo in più per leggere il suo libro

    RispondiElimina
  25. Bellissima intervista! Sono ancora più curiosa di leggere il libro ora!

    RispondiElimina
  26. Mi piace molto leggere le interviste agli autori, lo trovo un modo per scoprire sempre qualcosa in più delle storie che si sono ritrovati a creare.
    In questo caso, ho amato leggere delle sue stranezze (chi non ne ha) hahaha E oddio, voglio leggere Simon vs. the homo sapiens agenda da una vita, penso che ora non potrò fare a meno di prenderlo!! ahahahah
    Grazie dell'intervista è stato bello poterla leggere!! Ora non mi resta che leggere il libro -*-*

    RispondiElimina
  27. Che bella intervista! Le risposte dell'autrice sono tutto interessanti, ma i complimenti vanno anche a te che sei riuscita a formulare delle domande assolutamente non banali! :D

    RispondiElimina
  28. complimenti per l'intervista esaustiva e dettagliata e sopratutto rivela il carattere dell'autrice chissà se rispecchia un po' nella lettura del libro

    RispondiElimina
  29. complimenti per l'intervista esaustiva e dettagliata e sopratutto rivela il carattere dell'autrice chissà se rispecchia un po' nella lettura del libro

    RispondiElimina
  30. Ciao Giò! Complimenti per questa bellissima intervista, super dettagliata ed interessante! E' inutile dire che desidero tantissimo questo libro, e devo ammettere che la prima cosa che mi ha colpito, è stata la cover! E' davvero meravigliosa! Grazie mille per aver condiviso con noi lettrici e lettori quest'intervista! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  31. è molto simpatica e abbiamo un sacco di cose in comune, bella intervista :)

    RispondiElimina
  32. mi è piaciuta molto l'intervista anche perchè non conoscevo l'autrice

    RispondiElimina
  33. non conoscevo quest' autrice! e' bello sapere qualcosa riguardo agli autori! grazie per l' intervista

    RispondiElimina
  34. A parte che è bellissimo notare quando si hanno delle cose in comune con una scrittrice del genere, ma dalle sue parole si nota così tanta maturità! E' stato un piacere leggere l'intervista, poche persone sono così disponibile e con i piedi ben piantati a terra!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥