16 novembre 2016

WWW Wednesdays #54


Buon pomeriggio a tutti :)
Come state? Sono secoli ormai che non posto il WWW Wednesdays, la rubrica dedicata alla mia settimana libresca, tendenzialmente perché ci sono state poche novità per non dire nulla su cui aggiornarvi. La verità è che dopo aver letto Non so chi sei ma io sono qui, che vi devo ancora recensire (...shame on me 😒), ho fatto davvero fatica a trovare qualcosa che mi entusiasmasse davvero facendomi rimanere incollata al libro.

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


In stand by ho ancora L'allieva di Alessia Gazzola La corona di mezzanotte di Sarah J. Maas, entrambi non mi dispiacevano ma non mi avevano ancora catturata al punto di farmi venire quella voglia pazza di leggere. In questo momento sono ancora alla ricerca di un bel libro da leggere perché l'ultimo che ho terminato mi è piaciuto troppo ed è sempre difficile poi trovare altro quando succede o almeno è ciò che succede a me. In ogni caso ho provato ad iniziare 9 Novembre di Colleen Hoover che con me è sempre una garanzia con la speranza che faccia il miracolo, vediamo stasera come andrà.

14 novembre 2016

Recensione "Tutta colpa delle fragole" di Sistiana Lombardi


So di passare troppo tempo a dovermi scusare con voi, ma sono state settimane strane per tanti motivi, umorali e non. Ho provato a dare l'esame che mi ero prefissata ma non è andato come speravo, ho ripreso in mano una vecchia passione di cui però per ora preferisco non parlarvi ancora. Ho provato ad iniziare finalmente La corona di mezzanotte, sapete da quanto attendevo di poterlo leggere, ma evidentemente non era il momento giusto e così la voglia di leggere stava scarseggiando. Probabilmente questo era un segnale per avvisarmi che necessitavo un libro che mi scaldasse il cuore ed è qui che entra in scena il libro di cui sto per parlarvi, il quale è venuto in mio soccorso scatenando una nuova ossessione. Sapete ormai come mi capita, io dovevo leggerlo perché mi stava attirando troppo e quando succede così non posso che assecondare il mio senso libresco.
Il libro di cui vi voglio parlare oggi è Tutta colpa delle fragole di Sistiana Lombardi, probabilmente molti la conosceranno già attraverso il suo canale Youtube. Fino ad oggi ho sempre diffidato dai libri/romanzi scritti da youtuber ma un eccezione c'è sempre e poi sapevo che Sistiana fosse diversa, perché in lei ho scoperto il dono di saper raccontare (date uno sguardo alle sue Fiabe 2.0 se non vi bastano le mie parole, vi conquisterà!) e l'ho sempre percepita vera, genuina ed è per questo che sono andata sicura incontro a questa lettura. Al di là di ciò i pregiudizi non mi piacciono, quindi non può essere un'etichetta a fermarmi se sento qualcosa per un determinato libro. Vi starete però chiedendo come è successo che mi sia imbattuta in Tutta colpa delle fragole, beh per caso ho visto questo video e mi è partito un entusiasmo pazzesco. Io dovevo averlo, dovevo leggerlo e ora posso dirvi che non mi sono sbagliata per niente.

Titolo: Tutta colpa delle fragole
Autore: Sistiana Lombardi
Data di pubblicazione: 2 novembre 2016
Editore: Mondadori Electa
Pagine: 211
Prezzo: 16,90€
Acquista qui
Trama: Le app per incontri? Tutti ne parlano, in pochi le usano. Questo, almeno, è ciò che pensa la protagonista della storia, una giornalista trentenne che non ha mai voluto affidarsi al suo smartphone per conoscere persone nuove. Ma quando il suo capo le chiederà di scrivere un articolo su Matchy - una popolare applicazione per "cuori solitari" (ma non solo...) -, dovrà ricredersi e scontrarsi con una realtà a lei ignota. In fondo sarebbe disposta a tutto, pur di uscire dalle sabbie mobili in cui si è impantanata con quello che considerava l'uomo della sua vita. Basterà buttarsi a capofitto nel lavoro e organizzare qualche appuntamento al buio, per dimenticarsi del Bastardo coi boccoli che da tempo la condanna a un tira e molla estenuante? Forse no, considerando i "tipi da Matchy" con i quali dovrà fare i conti durante la sua ricerca: tatuatori che alla prima occasione non risparmiano i commenti sulle doti culinarie della mamma; food blogger che invitano a cena le ragazze per poi improvvisare un set fotografico e immortalare prelibatezze degne di un ristorante stellato; pervertiti a corto di idee, tatto e romanticismo, ma sempre pronti a mettere in atto tecniche di corteggiamento assai discutibili (per usare un eufemismo...). Nel turbinio degli eventi, fra rendez-vous tragicomici, litigi e fantasmi del passato che si materializzano nei momenti più sbagliati, tutto sembra precipitare. Finché il viaggio nel magico mondo di Matchy non approderà a una meta inaspettata.




Sistiana Lombardi è una youtuber, vlogger, web influencer e cantautrice. Dopo la laurea, ha lavorato a Madrid e a New York. Molisana d'origine, adesso vive a Milano, raccontando online le sue avventure, anche se fin da bambina la sua vera passione è sempre stata la scrittura. Tutta colpa delle fragole è il suo primo romanzo.


«Arriva un momento in cui stacchi tutto. Quel momento in cui sei pronta a vedere la differenza che c'è fra la persona che eri al decollo e quella che sei diventata all'atterraggio.»

Ci sono storie che sanno arrivare dritto al cuore ancor prima che tu possa esplorarle fino in fondo, questo è un dono ma vi giuro che esistono libri così. Ci sono poi persone che hanno il dono per la narrazione, che sono nate per scrivere e quando accade è praticamente una garanzia. Questo è il punto da cui sono partita approcciandomi a Tutta colpa delle fragole di Sistiana Lombardi, quelle due certezze che sentivo vivide dentro come una garanzia di successo, che mi facevano sentire di amare già la storia che stavo iniziando a conoscere. Era da tanto tempo che non mi capitava di essere coinvolta così tanto per un libro di un'autrice italiana, di provare emozioni vere e profonde. Sarà che ormai sono così abituata a leggere quelli di autrici straniere e forse proprio per questo ho avuto bisogno un attimo di abituarmi ad un tipo di scrittura diversa, ma ho potuto assaporare ambientazioni così familiari e questo ha portato a galla ricordi legati a posti nonostante non conosca benissimo Milano. Mi ha ricordato tutte quelle volte che ho fatto le mie fughe  per vederlo o sentirlo cantare. Tra l'altro ho apprezzato davvero molto il fatto che Sistiana abbia fatto questa scelta di raccontare una storia ambientata in una città che conosce così bene perché ciò ha reso tutto molto più reale.