15 marzo 2017

Avvistato "Hai conquistato ogni parte di me" di Alessandra Paoloni / Newton Compton Editori


Buongiorno bellissimi!
Oggi vi volevo presentare un romanzo di un'autrice italiana da poco uscito in casa Newton Compton. Si tratta di Hai conquistato ogni parte di me di Alessandra Paoloni, che con la sua storia ci porta direttamente sul set di una fiction italiana ambientata a Roma. Siete curiosi di scoprire come se la caverà la nostra giornalista Nicoletta Catullo alle prese con l'attore del momento?

Titolo: Hai conquistato ogni parte di me
Autore: Alessandra Paoloni
Editore: Newton Compton Editori
Data di pubblicazione: 14 marzo 2017
Formato: ebook
Prezzo: 2,99 €
Genere: Romance
Trama: Nicoletta Catullo lavora come giornalista per un un noto settimanale italiano. Ha ambizioni letterarie e un libro nel cassetto che non ha mai avuto il coraggio di far leggere a nessuno. La sua vita cambia totalmente quando il suo direttore le commissiona un articolo molto particolare: intervistare il cast di una nuova fiction italiana sui Borgia. Nicoletta ha modo non solo di conoscere personaggi già famosi ma anche Luke Grady, un giovane attore che si sta facendo ammirare nel panorama cinematografico italiano. Al termine delle interviste per il suo articolo, la ragazza si ritrova però a firmare, senza saperlo, un documento che la legherà per i mesi a venire a Luke Grady: l'accordo "segreto" che siglerà la "costringerà" a vestire i panni della “finta fidanzata” dell'attore, fino al termine delle riprese della fiction...
Quando ero più giovane, amavo leggere romanzi ambientati in Italia specialmente a Roma, ed è proprio così che è nata il mio amore per questa città. Mi piaceva immaginarmi tutti quegli scorci così ricchi di storia e passione. Ok, lo ammetto, in parte è stata anche colpa di Moccia ma io ero giovane ed innocente e ci ero cascata! In ogni caso per incuriosirvi e stuzzicarvi un po' ho deciso di condividere con voi l'incipit di questa storia perché possiate dare una chance a questa autrice italiana.


È verità universalmente nota che quando si ha fretta di salvare qualcosa al computer o si ha urgenza di stampare un documento importante, la tecnologia avverte l’ansia umana e rallenta le sue prestazioni. Infatti le porte dell’ascensore si aprirono più lentamente del solito, tanto da farle dubitare che si sarebbero bloccate a metà, impedendole di uscire. Le parve di sentirle ghignare soddisfatte mentre alla fine si spalancavano, dopo averle fatto temere il peggio. Nicoletta doveva farsi trovare nell’ufficio del direttore alle dieci in punto ed era già in ritardo di una manciata di minuti.
Ora, grazie al maledetto ascensore, era in ritardo di una manciata di minuti e qualche altro prezioso secondo. Il corridoio del quarto piano era deserto ma dietro le porte chiuse, mentre lo attraversava, riusciva a sentire il picchiettare delle dita che viaggiavano veloci sulle tastiere dei pc. L’ultimo numero di «Ab Urbe Condita», secondo le statistiche di quella settimana, era stato al passo con le vendite di altre più longeve e famigerate riviste come «Panorama» o «l’Espresso». Un evento che il direttore editoriale Tommaso Torricelli aveva voluto festeggiare assegnando al suo team ore di lavoro extra. “Perché l’onda si cavalca quando è alta”, aveva detto con il suo inconfondibile accento milanese. Ma, a differenza di tutti gli altri suoi colleghi, soltanto Nicoletta era stata convocata nel suo ufficio.



Chi di voi non vorrebbe poter stare a stretto contatto con Richard Madden o un qualsiasi altro attore del cuore?

Un bacio,
Giò

1 commento:

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥